– A TUTTI GLI ISCRITTI NON IN REGOLA CON LA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA –

Quinquennio 2014-2018.

Si ricorda che, come stabilito dal CNPI con circolare del 20 dicembre 2018 Prot. 3585/CG/ff, il 

30 giugno 2019

scadrà il periodo di 6 mesi concesso come finestra di ravvedimento operoso, entro il quale gli iscritti che non hanno raggiunto i CFP previsti al 31/12/2018, potranno colmare il debito formativo individuale, fermo restando l’avvio del nuovo quinquennio formativo a partire dal 1°gennaio 2019.

Si segnala l’importanza di utilizzare i tanti strumenti previsti dal Regolamento e dalle linee guida soprattutto:

 – Apprendimento informale: 

“apprendimento, che, anche a prescindere da una scelta intenzionale, si realizza in ogni organismo che persegue scopi educativi e formativi (CNPI, OT ed enti formatori autorizzati), nell’esercizio della professione di perito industriale nelle situazioni, nonché nell’interazioni del lavoro quotidiano. È considerato apprendimento informale anche l’apprendimento acquisito in qualsiasi forma che il professionista espleta volontariamente ed autonomamente per svolgere l’attività professionale in forma innovativa ed in linea con l’aggiornamento tecnologico e normativo. Tale tipo di formazione è dimostrabile anche con gli esiti della propria produzione professionale. È altresì considerata attività formativa anche quella svolta nell’ambito del volontariato, del servizio civile nazionale e del privato sociale. “ 

 – Apprendimento in servizio: 

“momento o percorso di aggiornamento e/o formazione realizzato dal professionista che opera alle dipendenze di enti pubblici o privati, a seguito di obbligo contrattuale o di esplicita richiesta da parte del datore di lavoro”. 

Cogliamo, inoltre, l’occasione per ricordare come sulla piattaforma della Fondazione Opificium (www.fondazioneopificium.it) è ad oggi disponibile un’ampia offerta formativa, fruibile sia gratuitamente che a pagamento. Tra i corsi gratuiti è disponibile un pacchetto deontologico che consente di acquisire i relativi crediti necessari all’adempimento dell’obbligo, ma anche seminari su temi più innovativi per la professione, ad esempio sulla Cybersecurity e Industria 4.0.

Si tratta di un’offerta fruibile in modalità esclusivamente a distanza e-learning, un’opportunità in più per chi magari non ha tempo o risorse sufficienti da dedicare all’attività di aggiornamento.

Si rinnova l’invito a registrarsi su Albo Unico https://www.albounicoperind.it/Account/controllo.aspx?utente=albo per poter controllare la propria situazione formativa e trasmettere all’Ordine le dichiarazioni per il riconoscimento dei CFP .

Dopo il 30 giugno, il Consiglio Direttivo, per tutti coloro che non avranno raggiunto i CFP dovrà applicare le sanzioni previste dalla nuova Direttiva Sanzioni approvata dal CNPI il 9 maggio u.s. che prevede sino a un mese di sospensione dall’esercizio della libera professione con relativa pubblicazione della stessa su Albo Unico, Sito e comunicazione a tutti gli Enti (CNPI, EPPI, Corte d’Appello,Tribunale, Comuni, Arpa, Inail, altri ordini professionali, ecc.)

Pertanto, l’invito e quello di mettersi in regola entro tale data, confidando nello spirito di collaborazione al fine di evitare incresciose procedure disciplinari.

La segreteria è a disposizione per qualsiasi chiarimento in merito.
f

Condividi con:

FacebookTwitterGoogleLinkedIn